Un bagno da Milano senza andare al mare e in piscina: un tuffo nel Trebbia

Che cosa c’è di più fresco di un tuffo nel mare in estate? Un bel tuffo in un fiume (e ci evita la coda in autostrada…). Da Milano si raggiungono vari fiumi dove rinfrescarci. Uno dei più puliti e selvaggi – nonché il nostro preferito – è il Trebbia. Per dire basta alla coda sull’Autostrada del Fiori…

Dove fare il bagno sul Trebbia

Ci sono vari punti sulla SS45 dove fermarsi. A noi piace fare sosta qualche chilometro dopo Bobbio. Noterete le macchine parcheggiate lungo la strada e i sentierini che scendono lungo il fiume. Prendetene uno, scendete e trovate la vostra spiaggia. Noi abbiamo trovato una bella spiaggia, di sassi e sabbia, e alcune pozze molto profonde (oltre 5 metri): fantastiche per fare i tuffi dal muro di pietra su cui ci si arrampica facilmente. Un altro tipico posto, lo trovate al

Una sosta nel paesino di Bobbio

Vale la pena di fermarsi a fare un giretto a Bobbio, dove troviamo molte costruzioni risalenti al Medioevo, quando era una cittadina importante, perché perché controllava la Via del sale, che da Piacenza arrivava fino a Genova, passando proprio dalla Val Trebbia.
Notevolissima l’Abbazia di San Colombano, fondata dal monaco irlandese nel 614. Pare che il famoso Scriptorium, dove venivano prodotte miniature ispirate alla cultura irlandese, sia stato il modello utilizzato da Umberto Eco in Nel nome della Rosa. Infatti nell’abbazia erano allevate centinaia di pecore, che servivano per produrre la pergamena.
Noi abbiamo un debole per il Ponte Vecchio (chiamato familiarmente Gobbo per la sua forma): romanico, lunghissimo (280 metri) e con undici archi (tutti un po’ diversi l’uno dall’altro).
Possiamo anche salire fino al Castello Malaspina-Dal Verme: un vero maniero di una tempo, con mura difensive intatte.

Come arrivare al Trebbia

Arrivando da Milano, prendete l’A1 Milano-Bologna e uscite a Piacenza Sud. Da qui si prende la Tagenziale Sud di Piacenza, scegliendo l’uscita Bobbio. Ci mettere

I motociclisti devono fare particolare attenzione a guidare seguendo tutte le regole, perché è facile che si prendano qualche multa. La pericolosa abitudine di molti motociclisti di utilizzare la tortuosa stradina per fare gare spericolate ha messo in allarme polizia e carabinieri, che sono diventati molto severi con qualunque motociclista, anche il più diligente.  pattugliano la strada per bloccare i motociclisti, che utilizzano la strada tortuosa per fare gare spericolate. Attenzione a rispettare tutte le norme stradali.