Al Biko: black is beautiful

Biko

Per una serata tranquilla ma anche per ballare un po’ di afro, funky o per sentire un concerto c’è il Biko. Fuori dalla mischia dei locali fatti con lo stampino: atmosfera piacevole e curata e prezzi popolari. I fondatori Alem Abbai architetto, e Orsola (per tutti Otta) illustratrice e grafica, fin dai primi anni Novanta si occupano di attività a sfondo socio-culturale a Milano.

Usciamo stasera?

A Milano c’è un piccolo dramma che si consuma tutte le volte che (esclusi cinema e cene con gli amici) si voglia uscire senza consumazioni obbligatorie e ingressi a pagamento in serate ingessate da strani rituali per forzati del divertimento.
Per ascoltare musica (rigorosamente di ispirazione Black) o anche farsi un giro e bere una birra a prezzi sensati scopriamo qualche luogo che forse non tutti tutti ancora conoscono: in zona Barona, in Via Ettore Ponti c’è il Biko.
Qui la frequentazione è trasversale e va dai 18 anni ai 50: sono più che altro le serate a tema (Live o Dj set) dal sapore Black a orientare il pubblico.
Il Biko a dirla tutta nasceva già  nel 2007 in Via De Castillia, dietro la ex Stecca degli Artigiani, (in piena zona Isola) dove è resistito per due anni e mezzo…prima che “problemi di suono” costringessero Otta e Alem a chiudere i battenti e a cercare una nuova location.
Otta mi dice che “è servito un intero anno per trovare un posto adatto a fare musica liberamente” e finalmente, nel giugno 2010, dove un tempo c’era un’Officina Meccanica e poi l’Arci Metromondo è nato il Biko per come lo conosciamo ora: “tutto ricostruito con 3 mesi di cantiere” da Otta e Alem.

Arci Biko

Il nome Biko prende spunto da Stephen Biko, attivista anti-apartheid che fondò il BCM (Black Conciousness Movement) famoso anche per lo slogan “black is beautiful” (nero è bello).
“Un’associazione di per sé consente di svolgere diverse tipologie di attività compresi laboratori diurni che in uno spazio pubblico non sono possibili”, mi dice Otta – L’adesione all’Arci (che è un’associazione riconosciuta a livello nazionale) è stata decisa a posteriori senza alcun obbligo”. Fare la tessera Arci al Biko costa 12 euro: l’ingresso è consentito soltanto ai possessori della tessera associativa.
La tessera si rinnova di anno in anno, non è un biglietto di ingresso e non può essere rilasciata senza la compilazione del modulo relativo. La tessera Arci dà il diritto di frequentare tutti i circoli che vi aderiscono su tutto il territorio italiano.
Al Biko non troverete solo musica (aperitivi musicali, live e djset) ma anche cibo etnico, laboratori e corsi di ballo. L’atmosfera è piacevole: muri colorati, tavoli e sedie pensati per creare un’atmosfera calda e accogliente. Il Biko è dotato di Wifi libero.

Musica Black a Milano

Qui troverete aperitivi musicali, live e dj set dal sapore Black.
I generi preferiti del Biko sono soprattutto la musica Afroamericana, la Black Music, il Conscious Hip-Hop ma anche la Brasiliana, l’Africana, l’Afro Beat, il Deep Funk.
I dj sono tutti collezionisti (di vinili, ovviamente): Dj Kleopatra (Juliana Osei, in arte Kleopatra Jones: funk a 360°, afro, rock), Frank Siccardi (fondatore della Irma Records:  drum’ n’bass, broken beat e un po’ di house), Dj Nox (electro, deep house).
Con  l’associazione romana Afrodisia e il supporto di LifeGate Radio si organizzano rassegne di musica africana: prossimamente Pedro Kouyate e Mandinka Transe Acoustique.
I live made in Italy invece sono legati ad etichette indipendenti come La Fabbrica di Bologna: quest’anno la rassegna è stata aperta da Roberto Dell’Era.
Il Biko è anche ristorante: godetevi una serata con piatti etnici e serate a tema.

La segnalazione di Maxime: Il Biko mi piace per l’atmosfera: il posto e il genere di persone (abbastanza eteroclite). Il prezzo per bere: 5 euro un coktail. E per il fatto che alla differenza di tanti posti notturni, si possa anche mangiare la pizza fatta in casa, delle torte salate e una buonissima torta al cioccolato.La programmazione musicale è anche di qualità. Non saprei cosa aggiungere il meglio è che andate a vedere.

Segui SurviveMilano per avere altre dritte su Milano

Info

  • Costi
    Ingresso gratuito con tessera ARCI o ingresso a sottoscrizione per le serate (dai 3 ai 10 euro) con tessera ARCI.

Lascia un commento